Cosa avviene dopo l'aggiudicazione definitiva?

A tutti gli offerenti non aggiudicatari, verrà restituito immediatamente l'assegno depositato a titolo di cauzione.
L'aggiudicatario, invece, è tenuto a versare il prezzo, detratta la cauzione già versata, entro il termine perentorio indicato dal Giudice nell'avviso di vendita.
Attenzione, il mancato versamento del saldo prezzo entro il termine imposto dal Giudice, provocherà la decadenza dall'aggiudicazione e la confisca, o meglio la perdita, dell'importo versato a titolo di cauzione.
Molte Banche hanno concordato con la maggior parte dei Tribunali Italiani, di concedere mutui a tassi agevolati finalizzati proprio all'acquisto d'immobili alle aste giudiziarie.
Il Giudice dell'esecuzione emette il decreto di trasferimento dell'immobile in favore dell'aggiudicatario.
Il decreto di trasferimento è il titolo di proprietà, equivale alla compravendita ma con il vantaggio, di non dover pagare l'onorario notarile. 
Solo l'imposta di registro, con le agevolazione i fiscali previste dalla legge, ove si tratti ad esempio di acquisto prima casa. Deve inoltre pagare le spese di trascrizione del proprio acquisto presso i Pubblici Registri Immobiliari per il modico importo di € 200,00 circa.